Pantaloni a zampa da donna: migliori prodotti di Agosto 2021, prezzi, recensioni

In questo articolo parleremo del capo d’abbigliamento più usato al mondo da uomini e donne, i pantaloni.

Rispolvereremo insieme un pò di storia per capire le origini di questo indumento e la sua evoluzione nel mondo della moda e nella società.

Infine parleremo di un modello particolare di pantaloni, il modello a campana, anche detto a zampa d’elefante.

Cosa sono i pantaloni?

I pantaloni sono l’indumento più diffuso al mondo sia fra gli uomini che le donne.

Questo capo d’abbigliamento è nato per proteggere le gambe da pioggia, freddo, vento e sole, ma anche dalle aggressioni di uomini o animali.

Inoltre fin dai tempi più antichi i pantaloni venivano indossati dagli uomini per lavorare ed andare a cavallo.

Donna in pantaloni. Tabù fino agli anni ’50

Ormai siamo abituate a vedere donne di tutte le età indossare i pantaloni, ma fino agli anni ’50 alle donne non era consentito portare i pantaloni per motivi etici, morali, e religiosi.

La prima donna che decise di portare abiti maschili e tagliarsi i capelli corti fu l’eroina francese Giovanna d’Arco. Questa donna viaggiava e partecipava alle campagne militari, quindi aveva necessariamente bisogno di indossare indumenti comodi, pratici, sicuri, e soprattutto adatti alle attività che svolgeva.

L’atteggiamento anticonformista di questa donna fu considerato eretico dalla Chiesa, tanto che Giovanna d’Arco nel 1431 fu addirittura condannata al rogo perché portava i pantaloni come i soldati al fronte.

Solo dopo almeno 400 anni dalla morte della martire Giovanna D’Arco, cioè verso la fine dell’ 1800, le donne ogni tanto ad indossavano i pantaloni per andare in bicicletta. E ancora per la mentalità dell’epoca non era una cosa per niente normale.

Non erano ben viste nemmeno le donne che dovevano portare i pantaloni per praticità perché costrette a fare lavori manuali o pesanti al posto dei propri mariti che erano al fronte. Vale lo stesso anche per le donne che lavoravano in fabbrica o nei campi.

Donne con i pantaloni. Come è stato superato il tabù.

Negli anni ’20 la stilista Coco Chanel fu la prima donna ad indossare i pantaloni e anche a lanciarli in contesti che non fossero lavorativi o pesanti.

Coco Chanel cominciò ad indossare dei pantaloni da marinaio per andare in spiaggia con un turbante, collane e occhiali da sole. E da allora le donne presero l’abitudine di usare i pantaloni per stare in casa o andare al mare, ma mai per strada.

Per vedere abitualmente le donne portare i pantaloni in ogni contesto ci è voluto parecchio.

Infatti solo dopo fine della seconda guerra mondiale, negli anni ’50, le donne potevano indossare i pantaloni quotidianamente senza infrangere alcun tabù.

Dopo la seconda guerra mondiale il mondo cambiò in modo radicale.

I pantaloni da donna dagli anni ’50 ad oggi

I pantaloni negli anni ’50 rappresenteranno una forma di protesta alla mentalità dell’epoca precedente. Indossare pantaloni attillati infatti era un simbolo dei ragazzi anticonformisti e ribelli.

Anche le ragazze indossavano i pantaloni negli anni ’50, sempre stretti in vita ed a pinocchietto, e addirittura i calzoncini.

Negli anni ’60 ormai era abituale che le donne portassero i pantaloni.

Yves Saint Laurent fu il primo stilista che lanciò un completo giacca e pantalone al posto del classico tailleur da donna fatto do giacca e gonna.Negli anni ’80 la donna con i pantaloni era il simbolo della donna in carriera e indipendente.

Giorgio Armani amava far sfilare modelle che rappresentassero l’immagine della donna con i pantaloni sicura di sé ed emancipata.

Tra gli anni ’70 e ’80 altri grandi stilisti come Balenciaga, Gucci, Versace e tanti altri hanno diffuso ampiamente l’immagine della donna con i pantaloni.

I pantaloni a zampa d’elefante

I pantaloni a zampa di elefante, detti anche più semplicemente pantaloni a zampa, o pantaloni a campana, sono un modello di pantalone che scende dalle ginocchia in giù scende allargandosi progressivamente fino a coprire il piede.Il pantalone a zampa d’elefante è uno dei segni distintivi del movimento hippy, insieme alla bandana, al simbolo della pace e tanti altri.Successivamente questo modello di pantalone divenne il simbolo della musica disco, per poi diventare ancora più popolare ed usato più o meno da tutti fino alla fine degli anni ’70, quando passarono di moda.

Gli hippy e i pantaloni scampanati

I pantaloni a zampa d’elefante negli anni ’60 erano diffusi soprattutto fra i giovani grazie al movimento hippy.

Il movimento hippy, nato negli USA come ribellione alla cultura di massa e al consumismo, era formato da un esercito di giovani pacifisti, stravaganti, ribelli, che amavano la musica l’amore, la pace e la vita.

I jeans a campana li associamo sempre principalmente a questa immagine del giovane ribelle che fumava spinelli, con una bandana legata orizzontalmente sulla fronte, e i capelli lunghi.

Negli anni ’60 i pantaloni a zampa d’elefante erano a vita alta e stretti in vita, sul sedere e sulle cosce fino alle ginocchia, per poi allargarsi fino al piedi a forma di campana.

Redattrice, copywriter e graphic designer.

Lavoro nel mondo della comunicazione e dei media da più di 15 anni.

Ho redatto e progettato numerose riviste di viaggi e per bambini, ideato e realizzato campagne pubblicitarie, ho pubblicato articoli redazionali sui maggiori quotidiani nazionali.

Sono appassionata di design e arredamento.

Mi piace dipingere e praticare sport come pole dance, surf e stretching.

 

Back to top
menu
Abbigliamento donna